Quando ho iniziato a studiare l’alimentazione per cani, in ogni testo italiano o straniero, trovavo l’indicazione che i semini della mela erano tossici perchè contengono CIANURO, così come la maggior parte dei semi e noccioli della frutta.

Nel nostro immaginario culturale, il cianuro è un veleno mortale usato da spie e da eroi previdenti che lo conservano in anelli o boccette segrete per scappare definitivamente al nemico. La possibilità di suicidarsi tramite l’ingestione di cianuro è stata resa celebre anche dal suicidio di Hitler, che con lo stesso veleno aveva ucciso il suo fido e amatissimo pastore tedesco Blondi, e Eva Braun così come altri esponenti delle SS. ll cianuro impedisce il rilascio dell’ossigeno da parte dell’emoglobina al sistema di trasporto degli elettroni; l’ossigeno si accumula in circolo e gli effetti dell’ ipossia causano una rapida depressione dell’attività cerebrale. La frequenza cardiaca dapprima aumenta per poi diminuire progressivamente. La morte avviene per anossia cerebrale e collasso cardiovascolare.

Negli anni ho invece letto che i semi di mela sono uno degli ingredienti naturali dal maggiore potere antitumorale, purtroppo però questa caratteristica viene taciuta dalle autorità competenti per non andare ad intaccare il florido mercato farmaceutico delle cure chemioterapiche. E’ scientificamente comprovato che i semi di mela possono inibire le cellule  maligne di diverse forme tumorali , nell’uomo e negli animali, tra cui quelle del: colon, polmoni, pancreas, mammella e stomaco. L’informazione più esaltante è che una terapia naturale con i semi di mela distrugge solo le cellule malate senza intaccare le cellule sane del corpo.

Avete mai sentito parlare di amigdalina?

Amigdalina ha due molecole di glucosio, e una molecola di cianuro e benzaldeide ciascuno. Vi ho spaventati con questi nomi? Forse sarete felice di sapere che il cianuro e benzaldeide hanno come bersaglio solo le cellule tumorali: è parte delle loro attività metaboliche. Quando i semi rimangono interi, come succede spessisimo nell’ assunzione da parte del cane,  passano attraverso il tratto gastrointestinale senza venire intaccati. Ma se i semi vengono tritati preventivamente o masticati, vengono attaccati dalle cellule tumorali che si nutrono di zucchero, e nella digestione, si concentrano su amigdalina per il suo contenuto ghiotto di glucosio. Quando le cellule tumorali cercano di metabolizzare amigdalina “mordono” il cianuro e la benzaldeide. Le molecole di zucchero sono l’esca per un “suicidio involontario” di cellule cancerogene. Le cellule normali non possono metabolizzare amigdalina. Naturalmente una cura anti-tumorale non consta nell’assunzione sporadica di alcuni semi ma il trattamento dura mesi seguiti strettamente da oncologi umani o veterinari esperti.

Negli anni si sono susseguiti diversi ampi studi, volti a sperimentarne la presunta validità anti-tumorale dell’amigdalina o vitamina B17 e molti affermano che i trial clinici non mostrano alcun effetto benefico contro il cancro, e che il suo uso può anzi comportare gravi danni alla salute per alti livelli di tossicità, e nessuna efficacia o utilità contro il cancro. Altri confermano invece l’alto potere curativo senza effetti collaterali.

Star and Apple Seeds

A chi credere? Lascio a voi l’ardua sentenza, ma vi posso rassicurare sul fatto che se il vostro cane dovesse mangiare una mela intera o anche due non correrà assolutamente il rischio di intossicarsi con il cianuro contenuto nei semi del frutto perchè presente in quantità irrisorie. Senza contare che la maggior parte delle volte, i semi non vengono nemmeno coinvolti nella masticazione e non vengono nemmeno scalfiti e quindi escono dal cane con le feci nella loro forma originale.

Comments

comments