Vivere con un veterinario per una “sanguisuga” di storie di animali come me è come essere sempre sulle giostre per un bambino: io chiedo e il mio Signore e Padrone mi delizia con la sua trentennale esperienza di medico di Anima-li. In questi giorni ho rispolverato delle foto della nostra vecchia Samoiedo,  Luna, che negli ultimi anni di vita soffriva di diabete, tenuto sotto controllo con punture, una o due volte al giorno, di insulina, che tutta la famiglia oramai le faceva al bisogno e mi è venuta in mente la sua dieta alchemica fatta di mille stratagemmi e che coinvolgeva anche tante erbe e spezie.

“Sai una volta, una trentina di anni fa, quando facevo diagnosi di diabete su un cane o su un gatto ero considerato un Mito, perchè era una malattia così rara nel mondo animale che pochi colleghi la prendevano in considerazione. Ora purtroppo la diagnosi la pronuncio molto spesso e già quando sento quell’odore caratteristico pervadere l’ambulatorio, mi si chiude lo stomaco.” mi aveva confessato una volta il mio mentore e compagno di vita.

Il diabete è una malattia complessa causata da una mancanza di insulina o da una risposta inadeguata all’insulina. Il cibo mangiato dal cane viene elaborato dal sistema digestivo in varie componenti, tra cui il glucosio: se un cane non produce insulina o non la può utilizzare normalmente, i suoi livelli di zucchero nel sangue restano elevati. Il risultato è un’ iperglicemia, che, se non trattata, può causare molti e complessi problemi di salute per un cane.

Il diabete può essere classificato come tipo 1, mancanza di produzione di insulina o di tipo II, con una produzione di insulina ridotta insieme ad una risposta inadeguata all’ormone.

La forma più comune della malattia nei cani è di tipo 1, diabete insulino-dipendente, che si verifica quando il pancreas è incapace di produrre o di secernere adeguati livelli di insulina. I cani che hanno tipo I richiedono terapia insulinica per sopravvivere, come la nostra cara Luna. Il diabete di tipo II lo si riscontra principalmente nei gatti ed è una mancanza di normale risposta all’insulina.

Ma come ci possiamo accorgere che il nostro animale potrebbe avere una forma di diabete?

Tenete sotto osservazione alcuni indicatori-sintomi che potrebbero e dovrebbero insospettirci:

  • cambiamento di appetito
  • sete eccessiva / aumento del consumo di acqua
  • perdita di peso
  • aumento della minzione
  • un odore particolare sia dell’urina che dell’alito
  • letargia
  • disidratazione
  • infezioni del tratto urinario
  • vomito frequente
  • formazione di cataratta, cecità
  • infezioni della pelle croniche

La causa esatta del diabete è sconosciuta, tuttavia ci sono dei fattori che possono svolgere un ruolo importante nello sviluppo della malattia: malattia autoimmune, la genetica, l’obesità e il sovrappeso, pancreatite cronica, alcuni farmaci e depositi di proteine anormali nel pancreas. Statisticamente i cani sovrappeso e obesi specialmente se di sesso femminile possono correre un rischio maggiore di sviluppare il diabete nel corso della vita (6-9 anni di età). Alcune razze possono anche correre un rischio maggiore, tra cui Australian Terrier, Schnauzer, Bassotti, Barboncini, Golden e i Samoiedo. Nel panorama farmaceutico ci sono tanti tipi di insulina adeguati per cani e gatti ma in questa sede vorrei presentarvi solo erbe e spezie che possono aiutare i nostri pelosi quotidianamente.

Un cane diabetico deve convivere con ciotole tristi ed enormi dosi di integratori sintetici?!? Non è la nostra esperienza e nemmeno quella della nostra Luna: lei amava follemente mangiare, era una buongustaia con un’alta motivazione alimentare. Le sue ciotole erano ricche di sapori e condimenti a dispetto della sua malattia: cibi sani, adeguati ai suo BAI, bisogni alimentari individuali, ricchi di erbe e spezie sapientemente dosati.

La curcuma combatte il diabete di tipo 2 con un effetto 100% secondo  uno studio dell’ American Diabetes Association.

E ‘ “la” spezia ideale per il trattamento del diabete grazie alle sue sorprendenti proprietà curative connesse con il suo ingrediente principale, la curcumina, che offre alla spezia anche  il suo colore dorato.

La curcuma

  • rafforza e migliora il sistema immunitario
  • è antiossidante, ha proprietà anti-glicemiche, anti-infiammatorie, e antimicrobiche
  • combatte il diabete in modo efficace ed efficiente con l’aiuto dei suoi fitonutrienti
  • evita lo sviluppo di insulino-resistenza, regola i livelli di insulina, e garantisce il corretto funzionamento del pancreas attraverso la sua proprietà anti-glicemica
  • previene l’aumento di peso indesiderato

 

La cannella abbassa lo zucchero nel sangue, migliorando il metabolismo del glucosio

Cannella è uno dei migliori integratori naturali in caso di diabete nel cane: è popolare per la sua significativa capacità di ottenere il controllo fluttuazioni, picchi,  o  aumento di zucchero nel sangue.

La cannella

  • riduce il colesterolo totale del 12-30% e riduce in modo significativo i trigliceridi con un semplice 1/4 cucchiaino al giorno
  • aiuta a mantenere un peso corretto attraverso il suo alto contenuto di fibre
  • elimina E. coli e altri batteri con la sua proprietà antibatteriche e antinfiammatorie
  • è una spezia amica del cuore perchè stimola la fluidità del sangue non permettendo la formazione di coaguli essendo ricca di antiossidanti come i polifenoli

Lo zenzero combatte il diabete in modo multiforme.

Questa spezia asiatica è probabilmente quella perfetto tra tutte le spezie per abbassare colesterolo totale, il glucosio nel sangue, la lipoproteina a bassa densità (LDL), secondo uno studio pubblicato su alimenti vegetali per l’alimentazione umana. Ricordate però che l’assunzione di zenzero può aumentare gli effetti di fluidificanti del sangue, quindi se il vostro cane sta seguendo una terapia fluidificante non date zenzero con leggerezza ma consultatevi con il vostro veterinario.

Lo zenzero

  •  diminuisce la glicemia del 35% e aumenta i livelli di insulina plasmatica del 10%
  •  aiuta la gestione dei livelli di zucchero nel sangue alta, amplificando l’assorbimento del glucosio nelle cellule, senza la necessità di impiegare l’insulina
  • ritarda la comparsa e l’evoluzione della cataratta
  • controlla il gonfiore e il dolore associato all’artrite
  • condivide lo stesso effetto dei farmaci anti-infiammatori non steroidei

Il pepe di cayenna contrasta diabete di tipo 1

Riconosciuto come il “rimedio popolare” per il diabete, grazie alla capsaicina, il pepe di cayenna è usato come elemento tradizionale per l’alimentazione per il diabete. Uno studio del 2006 pubblicato sulla rivista “Cell”, illustra che la capsaicina  è stata iniettata in un topo diabetico, che ha riniziato a produrre autonomamente insulina dimostrando l’efficacia del pepe contro il diabete di tipo 1.

Il pepe di cayenna

  • abbassa i livelli di trigliceridi migliorando la tolleranza al glucosio
  • rafforza le prestazioni del cuore, riducendo al contempo la pressione del sangue
  • elimina il dolore associato alla neuropatia diabetica
  • migliora la sensibilità all’insulina dei tessuti che richiedono meno insulina per svolgere efficacemente il trasporto del glucosio

I mirtilli riducono lo zucchero nel sangue del 26% ed i trigliceridi del 39%

I mirtilli sono un importante ingrediente che aiuta a controllare lo sviluppo di diabete di tipo 2 attraverso i suoi antiossidanti salutari chiamati antociani. Il mirtillo scongiura l’ispessimento del sangue che è comune tra diabetici di tipo 2.

Il mirtillo coaudiuva nel trattamento della retinopatia diabetica, grazie ai
flavonoidi e gli antociani rafforza i capillari e migliora  il flusso di sangue venoso.
Questi potenti antiossidanti garantiscono la normale formazione dei tessuti connettivi.

Il basilico mantiene un buon controllo sul diabete e le complicazioni cardiache connesse.

Questa super erba controlla e abbatte l’accumulo di glucosio a digiuno e post-pasto nel sangue secondo un piccolo studio condotto di recente con successo.

Il basilico

  • riduce il colesterolo cattivo (LDL) e trigliceridi, mantenendo così le malattie cardiace sotto controllo
  • allevia lo stress ossidativo, che provoca problemi complessi nei cani diabetici, attraverso i suoi potenti antiossidanti
  • migliora la secrezione di insulina

 

La camomilla aiuta il prevenire delle complicanze dell’ iperglicemia 

Una tazza di camomilla aggiunta nella ciotola dell’acqua o del pasto, non solo fornisce un effetto lenitivo e calmante per il corpo dopo una lunga giornata frenetica, ma aiuta soprattutto la regolazione di zucchero nel sangue e previene le complicanze diabetiche, come danni ai reni e perdita della vista.

La camomilla

  • inibisce gli enzimi che causano la retinopatia, neuropatia diabetica, e altre complicazioni diabetiche
  • previene l’insorgenza del diabete alleviando sbalzi di zucchero nel sangue, mitigando l’insulino-resistenza, la voglia di zucchero, la stanchezza, ecc
  • aumenta lo stoccaggio di glicogeno, mentre sopprimere i livelli di zucchero nel sangue

Il fieno greco migliora la sensibilità all’insulina 

In tutte le sue forme, in polvere, estratto secco o preparato per infuso, è stato scientificamente dimostrato che è un promettente trattamento contro il diabete di tipo 1 e di tipo 2. Il fieno greco decelera in particolare l’assorbimento degli zuccheri e dei carboidrati, mentre rallenta la digestione.

Il fieno greco

  • aumenta la quantità di insulina e migliora il modo in cui il corpo utilizza lo zucchero
  • tratta anche il colesterolo alto, problemi renali, eczema, perdita di appetito, problemi digestivi

La salvia come integratore antimicotico e antinfiammatorio 

Le foglie di salvia essiccate vengono utilizzate per la preparazione di olio di salvia e come spezia culinaria, mentre l’estratto di salvia è sperimentalmente utile per le sue proprietà antimicrobiche e anti-infiammatorie e per i suoi potenziali effetti contro il diabete.

La salvia

  • nasce come un efficace integratore naturale per incoraggiare la produzione di insulina e abbassare i livelli di zucchero nel sangue
  • contiene anti-iperglicemici e migliora il profilo lipidico
  • contiene sostanze nutritive importanti come la vitamina K, e ha proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti
  • migliora la memoria e tratta la malattie tipiche dell’invecchiamento anche cognitivo.

Adesso non avete più scuse, arricchite con integratori naturali efficaci le ciotole dei vostri cani diabetici, perchè essere malati non coincide con mangiare in modo triste.

 

Comments

comments