Le bacche di Maqui hanno fatto capolino nella nostra cultura alimentare decisamente da poco tempo: i frutti della pianta sarebbero caratterizzati da un potente potere antiossidante, tanto che in molti han già ribattezzato il rimedio come “bacca dei miracoli”.

Le bacche sono ricche di antocianine: dei flavonoidi solitamente utili ai vegetali per combattere le radiazioni ultraviolette del sole. Sono proprio questi flavonoidi ad avere proprietà antiossidanti e un potere antibatterico contro agenti patogeni vegetali. Le bacche di Maqui hanno un’alta concentrazione di vitamine, in particolare dei gruppi E e B. Simili caratteristiche avvicinano le bacche di Maqui ad altre dagli effetti sovrapponibili, come quelle di Goji, le Acai e il ribes. Il gusto è molto simile a quello del sambuco. Vengono utilizzate come integratore per rallentare l’invecchiamento cellulare e possono provocare stipsi.

PS ogni tanto metto la descrizione di qualche alimento particolare ma sono comunque da preferire alimenti nostrani come: sambuco, ribes, more e lamponi.

Comments

comments