Se nel 2005, l’80% dei Veterinari consigliava vivamente il pet food industriale, nel 2012 il dato è balzato addirittura all’88%. La percentuale dei veterinari che suggerisce alimenti industriali ai proprietari di pet anziani, in sovrappeso o con una qualsiasi indisposizione, è vicinissima al 100%.
Ma perchè ?

  • La formazione specialistica viene fatta post laurea da corsi organizzati dalle industrie mangimistiche.
  • I professionisti non ritengono i clienti in grado di seguire le indicazioni alimentari date.
  • Molti clienti non si attengono alle indicazioni dietetiche, mentre con un cibo industriale non ci sono problemi.
  • Molti clienti ritengono che una consulenza alimentare debba essere gratuita.
  • Non c’è formazione universitaria sull’alimentazione naturale per il cane.
  • La letteratura sulle diete casalinghe è inadeguata e quasi sempre proviene da testi americani.

La buona notizia è che ora che nasce l’esigenza di cambiare dieta e la domanda di personale sanitario specialistico aumenta, stiamo assistendo alla nascita di nuovi professionisti nel mondo dell’alimentazione naturale vera.
Inizialmente bisogna affidarsi ad un professionista medico veterinario che indirizzi la dieta del nostro cane in modo più adeguato al suo essere unico.

OGNI CANE E’ UNICO.

 

veterinari

Comments

comments